Il prodotto interno lordo nel 1° trimestre 2018

Berna, 31.05.2018 – Nel 1° trimestre 2018 il prodotto interno lordo reale della Svizzera è aumentato dello 0,6 %*. La crescita ha perso un po’ di slancio rispetto al secondo semestre del 2017, ma è stata ampiamente sostenuta dai comparti economici. Per il settore secondario l’incremento è stato moderato, mentre in vari rami dei servizi, come il commercio e i servizi alle imprese, si è registrata un’accelerazione. Il settore dell’intrattenimento è cresciuto in modo marcato grazie alle grandi manifestazioni sportive internazionali. Sul versante della spesa, la crescita è stata sostenuta dai consumi e dagli investimenti nei beni di equipaggiamento. Tutto ciò è stato accompagnato da un incremento sensibile delle importazioni e da un contributo di crescita lievemente negativo del commercio con l’estero.

Nel 1° trimestre del 2018 il PIL svizzero è aumentato dello 0,6 % mantenendo quasi il ritmo del trimestre precedente. Complessivamente rispetto al secondo semestre del 2017 la crescita ha perso un po’ di slancio, ma è stata tuttavia ampiamente sorretta sul fronte della produzione. Dopo alcuni trimestri molto positivi, l’andamento del settore manifatturiero è ora più contenuto (+0,2 %). Il settore edile ha proseguito sulla via del consolidamento (-0,0 %). A sostenere la crescita è stato in particolare il terziario, caratterizzato da un aumento del valore aggiunto in quasi tutti i rami. Dopo il debole trimestre precedente, il commercio è di nuovo in leggera ripresa (+0,8 ). La ripresa prosegue inoltre nel settore finanziario (+1,0 %). Alcuni settori, tra cui trasporti e comunicazione (+1,3 %), sanità (+1,2 %) e servizi alle imprese (+0,5 %) mostrano un’accelerazione rispetto al trimestre precedente. La crescita è pronunciata nel settore dell’intrattenimento (+7,3 %), grazie in particolare alle grandi manifestazioni sportive internazionali che si svolgeranno quest’anno. L’amministrazione pubblica risulta invece in calo (-0,2 %).

Per quanto riguarda il lato della spesa, nel 1° trimestre la crescita è stata trainata dalla domanda finale interna. I consumi privati (+0,4 %) sono aumentati in linea con la media pluriennale. Questo incremento è stato piuttosto esteso: oltre alle spese per salute e generi alimentari sono aumentate ad esempio anche quelle per la mobilità. Dal canto loro, gli investimenti nei beni di equipaggiamento hanno conosciuto un’espansione forte e generalizzata (+3,6 %). I maggiori impulsi sono venuti dagli investimenti negli ambiti ricerca e sviluppo, veicoli e informatica. Viceversa, sono calati gli investimenti nell’edilizia ( 0,4 %) e i consumi dello Stato ( 0,3 %).

Nel 1° trimestre il commercio estero di beni** e servizi ha fornito un contributo leggermente negativo alla crescita del PIL. In linea con l’aumento della domanda finale, le importazioni di beni** hanno continuato a crescere a ritmo superiore alla media (+2,9 %) dopo und precedente trimestre molto positivo. La crescita è stata sostenuta soprattutto da prodotti chimici e farmaceutici, veicoli e macchinari. Nell’ambito delle importazioni di servizi (+0,8 %) a due trimestri negativi è seguita una moderata espansione grazie a un aumento della voce Licenze e brevetti. Quest’ultima ha dato l’apporto più significativo anche all’incremento, in linea con la media pluriennale, delle esportazioni di servizi (+0,9 %). Solida infine la crescita delle esportazioni di beni** (+2,0 %), alla quale hanno contribuito in particolare il commercio di transito e le esportazioni di strumenti di precisione, orologi e gioielli. È inoltre proseguito l’andamento positivo dei macchinari e dei metalli.

 

Maggiori informazioni: www.admin.ch